Create your profile and meet other EUMANS, take part in conversations, preparation of initiatives, and coordination of new actions. You can also discuss EUMANS Statute and have your say in the creation of the paneuropean Movement of popular initiative. If you register on EUMANS Agorà you can also receive all the updates about upcoming meetings, the calendar of initiatives, and other updates on our actions.

Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Discuss the rules, the values and the functioning of EUMANS. Our goal is to prepare together the Constituent Assembly we will hold in the first half of 2021.
User avatar
VirginiaFiume
Posts: 100
Joined: 04 Dec 2020 21:20
Country: BELGIUM
City: Bruxelles
Organizations: EUMANS, Science for Democracy, Citizens Take Over Europe, ECI Campaign, Lesbiche Bologna

Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by VirginiaFiume »

The Activation Agreement is the central document of EUMANS, together with the Statute.

Please use this thread if you want to ask questions or make comments on how this document can be improved.

AN ACTIVATION AGREEMENT FOR EUMANS: WHY?

EUMANS! is a Pan-European movement of popular and nonviolent initiatives which has amongst its objectives; protection of human rights and fundamental liberties, the achievement of the rule of law and democracy, as well as ecosystem safeguarding and sustainable development.

EUMANS! mission and objectives are defined in the Statute of the EUMANS! (European) Association, which anyone can apply to and join.

The Activation Agreement, on the other hand, is an instrument established in the Statute of the EUMANS! to define and facilitate the development, collaboration and cooperation between activists. It is therefore not necessary to be a member of EUMANS! to sign the Activation Agreement.

In particular the Activation Agreement concerns:
Elaboration and activation of initiatives
Functions, rights and responsibilities of activists
Economic sustainability
Tools available for activists
The Activation Pact is revised according to the forms provided for in the Statute of the EUMANS!, through consultation phases with activists.


DEVELOPMENT AND ACTIVATION OF INITIATIVES

Political objectives defined in the Statute are achieved through the activation of participatory democracy instruments, the civil disobedience and the direct action based on non-violent methods.
The initiatives can be activated and dismissed at a local, national and international level and aim to realise effective reforms and not to merely enunciate potential protests.

How to activate oneself for an initiative?
Once the Activation Agreement is signed, EUMANS! activists can:
Activate themselves for existing initiatives
Propose, coordinate or make the activation of new initiatives easier
Propose partecipative forms to initiatives coordinated and promoted by other platforms or movements
How to propose an initiative?
Every activist who signs the EUMANS! Activation Agreement has the possibility to take part in the development of existing initiatives and in the activation of new initiatives.
Each activist can propose initiatives that are compatible with EUMANS! statutory objectives, and assumes the responsibility to cooperate with others activists and to seek forms of assistance and support for their proposal even outside of EUMANS!


ROLES, RIGHTS AND RESPONSIBILITIES

The structuring of the roles and procedures in EUMANS! is based on experience gained step-by-step by activists together during ongoing initiatives. In addition to the roles established in the Statute (President, Coordinator, Administrator, the Assembly of members, the Council for Participatory Democracy), the Activation Agreement provides for and aims to facilitate the relationship between them:

Activists
Whoever has signed the Activation Agreement is an activist. Activists are informed about the ongoing initiatives and the possibilities of mobilisation, and take on operational roles to organise and coordinate the local, national and international network at the service of the initiatives.

Activists are committed to promoting awareness and visibility of the EUMANS! Movement, inviting other European citizens to meetings, mobilisations and assemblies. The Activists are regularly and transparently informed about the political and organisational aspects of the initiatives.

Each activist can take on the role of “activator” of specific initiatives, agreeing with the President and the Coordinator the commitment to coordinate an initiative from its conception to its execution, with the responsibility of strengthening the network of activists and supporters and fostering the process of synergy of the competences of other activists and interaction with other movements and organisations.

By signing the Activation Agreement, activists commit themselves to creating an environment of development and collaboration based on individual responsibility and the enhancement of personal skills and experiences.

In particular, on the eumans.eu platform every activist is aware that EUMANS! reserves the right to remove without prior notice comments that are offensive, vulgar, blasphemous, unnecessary, highly provocative or contain advertisement content.

Furthermore, EUMANS! is in no way responsible for the content of comments posted by activists on eumans.eu and its channels: the latter, therefore, take full responsibility.

EUMANS! therefore reserves the right to remove at its sole discretion any comments that contain the following content:
Illegal, defamatory, racist or libellous
Incitements to hatred or violence
Detrimental to people, institutions or religions
Harmful to the privacy of others
May cause harm to minors
Damaging to trademarks, patents and copyrighted content
Personal data of third parties
Misuse the medium to promote or advertise commercial activities.

THE WISE COMMITEE

EUMANS! aims to provide academic and scientific support to each initiative and to help evaluate, develop and strengthen the impact of each initiative on the basis of the scientific method.

Relations with Parliament, Local Administrators and Institutional Citizens Representatives
EUMANS! actively seeks dialogue with all elected citizens representatives in institutions at the international, national and local level, regardless of their party or ideology.

Relations with other organizations and their members
EUMANS! welcomes and encourages the exchange of policy formulation and networking initiatives with other movements and organisations, and participates in European coalitions and networks whose objectives include democracy, promotion of the rule of law and of the sustainable development targets. EUMANS! activists are encouraged to take part in these networks.


TOOLS AND INSTRUMENTS AT EUMANS!’ DISPOSAL

The eumans.eu website provides a registration system through which the Activation Agreement is signed. The site is the public and transparent space in which to channel policy development, knowledge and mobilisation on current and proposed initiatives.
Virtual public assemblies are central to EUMANS! political debate. The meetings are recorded and accessible on the eumans.eu website and on the EUMANS! youtube channel.
The activation materials prepared for the initiatives are processed by the activists themselves and made available through shared archives and folders.
The political and technological tools prepared on the eumans.eu website and the activation of third-party tools (telegrams, social media, other tools) are instrumental to the organisation and management of activities.


ECONOMIC SUSTAINABILITY

Economic sustainability is one of the basic criteria to activate new initiatives. Each EUMANS! activist commits to promoting initiatives and raising funds by means of:
Applications to EUMANS! membership
Donations for individual initiatives on the website
Identification of institutional funding projects to submit to the President and the Coordinator in order to be evaluated according to their coherence with the EUMANS! mission!
The updated report of donations received and spending will be published on the EUMANS! website every three months and at the end of each year of membership.


DATA RESPONSABILITY
Marco Cappato
Responsible for the data of the EUMANS Association of which Marco Cappato is President. To know what data is collected and how it is processed, see the PRIVACY POLICY.
General Data Protection Regulation - 2018 (GDPR)
INFORMATION ON THE PROCESSING OF PERSONAL DATA

Based on the provisions of art. 13 of the General Data Protection Regulation (below, GDPR (1)), Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica (hereafter, ALC), the Associazione Soccorso Civile (hereafter, ASC), the Science for Democracy Association (hereafter, SFD), and the Associazione Eumans (AEU) as joint data controllers, inform you that the personal data you have provided for the purposes of joining each of the aforementioned Associations, including the particular data (2) meaning those provided as a sympathizer or donor or militant or volunteer, or for the purpose of a mere request of information related to the initiatives carried out by the associations, will be treated for the exclusive purposes of managing the associations’ relationship or other relationship with them, in compliance with your fundamental rights and freedoms, and limited to what is necessary for the pursuit of the legitimate interest pursued by the joint holders. (2) (3)

Your data will be processed by those who operate under the authority of the joint holders, as well as by external subjects who, where deemed necessary or appropriate, are appointed as data processors.

The treatment will take place both with paper instruments and with the aid of electronic equipment, in full compliance with the principles dictated by GDPR, also in relation to the adoption of appropriate measures to guarantee the security, protection and confidentiality of your personal data.

The provision of personal data is not mandatory, but in its absence it will not be possible to follow up the management of the associations’ relationship, meaning managing your position as a sympathizer or donor or as someone requesting information.

Personal data may be disclosed to third parties to whom some fiscal, accounting, administrative and management services are outsourced.

Your data may be used, subject to your consent, also to send informative material relating to the activities and campaigns carried out by the joint holders for the pursuit of the related statutory purposes, via sms, other messaging systems (e.g. WhatsApp), or e-mail.
Consent may be revoked at any time.

The data you provide will be kept after the termination of the associations’ relationship, only for the period necessary for the fulfillment of the legal obligations that the joint holders are required to respect, meaning for the period in any case necessary for the exercise of the rights of defence in the event of litigation.

The data provided by sympathizers or donors or militants and volunteers, or people requesting information, will be kept, subject to your consent, for the aforementioned sending of information material.

Pursuant to the GDPR, you are attributed the exercise of specific rights, including, under the conditions indicated in the GDPR, the right to access your data (art.15), to correct them (art.16), to delete them (art.17), to limit them (art.18), as well as the right to oppose the related processing (art.21) (4). All your rights may also be exercised by submitting a complaint to the Guarantor for the protection of personal data.

The joint holders of the processing are:

Associazione Luca Coscioni per la ricerca scientifica, Via di San Basilio 64 – 00187 Rome, Italy tel. 06.64010848 Fax 06.23327248– PEC associazionelucacoscioni@pec.it – E-mail: info@associazionelucacoscioni.it;

Associazione Soccorso Civile, in Via Gian Leonardo 16 – 00147 Rome, Italy

Science for democracy, Rue Ducale 41 – 1000 Bruxelles – Belgium tel. +32.27810823 E-mail: info@sciencefordemocracy.org

Associazione Eumans, Via di San Basilio 64 – 00187 Rome, Italy tel. 06.64010848 Fax 06.23327248

Last revision of this information: April 2020

[1] Regulation (EU) 2016/679 of the European Parliament and of the Council of 27 April 2016 on the protection of natural persons with regard to the processing of personal data and on the free movement of such data, and repealing Directive 95/46/EC (General Data Protection Regulation)

[2] The notion of particular data includes, among others, and as far as is relevant here, those that reveal racial or ethnic origin, union membership, biometric data intended to uniquely identify a natural person, and data relating to health

[3] The so-called legal basis of the processing must therefore be located in art. 6 par. 1 lett. f) (balancing of interest) and, for what concerns particular data, in art. 9 par. 2 lett. d) of GDPR

[4] Since the processing of your data is based on the legitimate interest referred to in art. 6 par. 1 letter f), the conditions for exercising the right to portability pursuant to art. 20 of the GDPR are not met
Coordinator of EUMANS
MiriamTurrini
Posts: 20
Joined: 04 Dec 2020 18:41
Country: ITALY
City: Roma
Organizations: Eumans, Radicali Italiani.

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by MiriamTurrini »

A @Marco Cappato @VirginiaFiume @Lorenzo Mineo @Roberto Mancuso e a
tutti gli iscritti





Buongiorno a tutti
Avrei bisogno di discutere con tutti una questione , onde evitare di aprire ad interpretazioni il patto d attivazione . Parto dalla piccola premessa che ciò che rimandiamo all esterno, come ci poniamo , è politicamente rilevante e mostra che movimento siamo. Siamo un movimento di cittadini .
Si è aperta una questione tra attivisti iscritti su come dobbiamo presentarci all esterno.
Ora, fin ora , siamo tutti stati d accordo di essere nei limiti del patto di attivazione e dello statuto.
La questione che è stata posta è l esigenza che più volte è stata manifestata di @Vincenzo_CAMPO di definirsi all esterno con un titolo o un ruolo. Manifestata autodefinendosi su stampa ed eventi come coordinatore di un' iniziativa e motivandola con una proposta. Non c è nulla di sbagliato in manifestare qualunque nuova esigenza. Io credo che questo sia solo l input per discutere della struttura e dell' evoluzione che vediamo.

Ora , credo se ho capito bene, che coordinatore iniziativa , sia un' interpretazione del passaggio "Ogni attivista può assumere il ruolo di “attivatore” di specifiche iniziative, concordando con il Presidente e il Coordinatore l'impegno a coordinare un'iniziativa dal suo concepimento fino alla sua esecuzione, con la responsabilità di rafforzare la rete di attivisti e sostenitori e favorire il processo di sinergia delle competenze di altri attivisti e interazione con altri movimenti e organizzazioni." Passaggio che comunque prevede una condizione "dal suo concepimento finoalla sua esecuzione, con la responsabilità di rafforzare la rete di attivisti e sostenitori e favorire il processo di sinergia delle competenze di altri attivisti e interazione con altri movimenti e organizzazioni"


Se questa esigenza esiste , anche da uno solo di noi , va secondo me discussa ed eventualmente regolamentata attraverso la nostra Magna carta.. patto di attivazione e statuto. Senza lasciare a libere interpretazioni...proprio perché questo statuto e questo patto di attivazione sono frutto di un lungo processo condiviso di elaborazione.
Se escono fuori nuove esigenze, parliamone e troviamo una soluzione condivisa.
Anche se credo che definirsi attivista, o attivatore , come da patto di attivazione, sia più proficuo e rimanda l idea di ciò che siamo (la forma è la sostanza delle cose), ovvero un movimento di cittadini, credo sia bene parlare di questa nuova "esigenza " che si affaccerà sempre più frequentemente man mano che ci espandiamo e capire come regolarci....

[
User avatar
Roberto Mancuso
Posts: 45
Joined: 02 Dec 2020 21:21
Country: ITALY
City: Cavallino (LE)
Organizations: EUMANS

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by Roberto Mancuso »

Ricordo che sulla questione posta da @MiriamTurrini si discusse a lungo nella fase di adozione del Patto di Attivazione e ricordo altresì come fu concordemente respinta perché prematura anche la possibilità di prevedere (almeno in quella fase), altre cariche od Organi oltre a quelli previsti dal nostro Statuto: Assemblea, Presidente e Coordinatore. Ancora ricordo come fu respinta la mia proposta di prevedere come Organo politico la figura del Tesoriere preferendo riassumere nel Presidente anche le funzioni di Tesoreria e prevedendo la figura dell'Amministratore unicamente per la tenuta dei conti e la loro pubblicizzazione. Fu anche respinta (sempre perché ritenuta prematura), la mia proposta di affiancare il Presidente con un Organo politico di Direzione o Giunta che coadiuvasse il Presidente nello svolgimento del suo indirizzo politico.

Ciò premesso, nessun dubbio vi è mai stato da parte di tutti nel respingere un'organizzazione di EUMANS burocratica o burocratizzante. Per questa ragione, a differenza di quanto hanno sempre scelto altri Movimenti o Partiti politici, in EUMANS non devono esistere "Responsabili di qualcosa", siamo tutti "responsabili" nella misura in cui ci impegniamo per un'iniziativa politica, senza copricapo o medagliette da "Coordinatore", ma con l'impegno e la forza della propria militanza come attivista.

Il nostro Patto di Attivazione prevede unicamente la possibilità di divenire, primus inter pares, ATTIVATORE, ma previo incarico affidato dal Presidente e dal Coordinatore:
Each activist can take on the role of “activator” of specific initiatives, agreeing with the President and the Coordinator the commitment to coordinate an initiative from its conception to its execution, with the responsibility of strengthening the network of activists and supporters and fostering the process of synergy of the competences of other activists and interaction with other movements and organisations.
Orbene, nello specifico dei fatti riferiti, non credo che ricorra questa fattispecie con riferimento ai diversi casi che @MiriamTurrini ci ha sottoposto all'attenzione rispetto allo spendersi di @Vincenzo_CAMPO come "Coordinatore [...]".

Come scrive la stessa Miriam, se qualcuno vuole contestare questa tipologia di organizzazione di EUMANS, lo può fare nei luoghi istituzionalmente preposti alla discussione di questi argomenti; cioè proprio qui, in Agorà.

In secondo luogo esiste sempre l'Assemblea per proporre modifiche alle nostre regole fondamentali.

Può sembrare questione di poco conto, ma non lo è affatto ! La scelta di un certo tipo di organizzazione al posto di un'altra può radicalmente mutare l'evoluzione di un Movimento e l'impegno di tutti o molti.

Lo spirito e la lettera col quale si è prevista la figura dell'ATTIVATORE non fu quello di appiccicare gradi militari o, per dirla in maniera più edulcorata, di attribuire funzioni in esclusività; al contrario l'attivatore è colui che deve incitare gli attivisti a mobilitarsi, organizzandoli e coordinandoli al solo fine del buon esito dell'iniziativa stessa.

Autoproclamarsi sul campo "Coordinatore di ... " oltre a riassumere con riferimento a se stessi le responsabilità politiche, SOPRATTUTTO è escludente la possibilità che anche altri divengano ATTIVATORI di una certa iniziativa.

Questo fa di EUMANS un Movimento dall'organizzazione "circolare" e, soprattutto, biodegradabile.

DIXIT ! :D
Sempre andare contro vento, solo così è davvero possibile alzarsi in volo. (Jim Morrison) 8-)
MiriamTurrini
Posts: 20
Joined: 04 Dec 2020 18:41
Country: ITALY
City: Roma
Organizations: Eumans, Radicali Italiani.

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by MiriamTurrini »

La riunione piena di spunti mi ha fatto venire in mente una cosa che scrivo subito onde evitare di dimenticarla....
forse va valutata, con tutto il tempo che ci vuole per una lunga discussione da qui alla prossima assemblea, la soluzione di @Roberto Mancuso di prevedere , non tanto una direzione, ma più una giunta che aiuti solo operativamente il Presidente , Il Coordinatore e l amministratore.....possa aiutare a superare eventuali nuove esigenze che più si espanderà il movimento, più si presenteranno.
Magari , per il primo anno nominata dal Presidente e magari da cambiare o riconfermare con una frequenza breve da stabilire , e che contenga almeno un' attivista per paese europeo, laddove presente. Ma solo con mansioni operative funzionali all attivazione delle iniziative . Non gli darei una mansione consultiva poiché di fatto le nostre riunioni le considero già consultive.
A tal punto si supererebbe il problema posto in riunione da Vincenzo, cioè di determinare responsabili di area o Coordinatori di iniziativa perché lo richiedono gli altri con cui veniamo in contatto (problema che in due anni non ho mai osservato ) fatto salvo i coordinatori di progetto designati in modo fiduciario dal Presidente. Evitando così di burocratizzare troppo e permettendo a tutti di attivarsi senza dover passare per responsabili d area o un numero eccessivo di coordinatori . A mio avviso questo castrerebbe la creatività di tutti, specialmente i nuovi iscritti.
Faccio un esempio. Se domani Caio ha un' idea sul tema ambientale, attualmente o passa per Agorà, o per la riunione o per la Coordinatrice o per il presidente. Se invece c è anche un responsabile d area dovrà passare per lui per qualunque Iniziativa inerente la sua area, e allo stesso tempo ci sarebbe un filtro di comunicazione tra l attivista che vuole diventare attivatore e le cariche o tra l attivista e gli altri iscritti.
Inoltre i ruoli vanno definiti , se proprio si deve, in base al carico di responsabilità che si è disposti a prendere.
Dal concepimento del progetto fino all' attivazione degli attivisti . Inoltre una impalcatura di ruoli e responsabili ingabbiano gli attivisti. Ad oggi c è la possibilità di passare da un progetto all altro nell aiutare e di cambiare mansioni, il che stimola la crescita di tutti. Individuare aree di competenza potrebbe ingabbiare. Lo dico perché è un' esperienza osservata in ambito radicale. Quanti ne ho visti che sono stati piazzati in Tesoreria e da lì non sono mai cresciuti politicamente o nella capacità di elaborazione politica,? Io stessa l ho provato. E in prima persona ho sperimentato quanto sia castrante, perché se ti occupi solo di soldi, tavoli, attivazione e hai pure un lavoro non hai lo spazio mentale per fermarti e esercitarti nell' elaborazione di proposte politiche. E in questo @Angela Capuano potrà confermare la mia stessa esperienza di Tesoreria . Definire, creare impalcature , ingabbia.


E lo dico con tutto il cuore anche a Vincenzo. Che ci fai con una definizione di Coordinatore di singola iniziativa che tra poco ha esaurito quasi la sua funzione , ruolo talmente importante da prevedere tante di quelle responsabilità da far venire il mal di testa, quando puoi volare libero da un' iniziativa all altra e crescere imparando ad elaborarla una tua proposta e ad attivarla dall' inizio alla fine, senza limitarti a puro presenzialismo? Poi si tratta di un' iniziativa che include una rete di amministratori creata in un anno da altri attivisti che abbiamo sempre detto che debbano poter coltivare i loro contatti . Un' iniziativa sulla quale abbiamo svolto tutti una funzione e in cui certamente non hai coordinato gli attivisti coinvolti. .


Ecco. È vero che parlare di ruoli distrae dagli obiettivi. Ne sono convinta . Per questo è bene o non definire ,al contrario di come richiede Vincenzo, o prepararsi a superare in futuro il problema con un unico organo, non intermedio, ma di supporto , come una giunta, che contenga attivisti di tutti i paesi attivi in modo da facilitare le attività in quei luoghi. Chiaro che sarà difficile andare per progetto o area di competenza se ad esempio si riescono ad attivare , per estremo, tutti e 27 i paesi europei... Ma si dovrà prevedere semmai o un coordinamento operativo o una giunta , ma seguendo criteri di rappresentatività o meglio operatività territoriale.

C è sempre l opzione che se siamo abbastanza bravi da considerare Agorà e il sito essi stessi "facilitatori " si può evitare persino la giunta o ogni sorta di coordinamento intermedio.

Ecco..tra l altro la definizione di ruoli e ambiti confligge con il lavoro che stiamo facendo con sito e strumenti di facilitazione automatizzati. Quindi, per non perdere tempo, se si va verso quella strada, allora sospendiamo il lavoro che stiamo facendo perché sarebbe tempo buttato. Ma io credo non sia buttato. Dobbiamo provare a spingere di più sui sistemi che stiamo pensando e su cui stiamo lavorando da parecchio.

Buona notte.
Lorenzo Mineo
Posts: 22
Joined: 14 Dec 2020 12:21
Country: ITALY
City: Napoli

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by Lorenzo Mineo »

Cari, credo che sia bene porre la questione per trovare insieme una soluzione costruttiva. L'equivoco di fondo nasce dall'esigenza pratica di me e Virginia di delegare alcuni compiti, essendo imparticabile occuparci di tutto.

Abbiamo chiesto a Vincenzo di aiutarci su aspetti specifici del coordinamento della rete dei sindaci per stopglobalwarming, perché stavamo faticando a seguire tutti i pezzi di quel filone. Come è stato detto ad oggi il patto di attivazione, oltre agli incarichi statutari, prevede solo "attivatori" e "attivisti", per cui quando ci avete fatto notare che è capitato che Vincenzo si firmasse come "Coordinatore della rete Clima Comune", sicuramente in un eccesso di leggerezza, gli abbiamo chiesto di modificare il titolo in "coordinamento" perché non risultasse un incarico personale ma parte del gruppo di coordinamento della campagna.

Questa discussione fa emergere però un'esigenza di dotarci metodo diverso, a mio avviso. Nell'ultima riunione Stefano Polizzi di XR ha raccontato il loro metodo per responsabilizzare un attivista che assuma un ruolo di "guida" su determinati compiti, rimettendogli un mandato scritto e chedendogli di relazionare periodicamente sulle attività. Potrebbe essere una soluzione e potremmo a quel punto anche decidere di dare un nome all'incaricato in questione. Mi diverte anche la suggestione che l'incaricato in questione possa essere estratto a sorte tra gli iscritti, potendo, come si fa in questi casi, accettare o rifiutare l'incarico (in quest'ultimo caso, si sorteggia a qualcun'altro finchè non c'è qualcuno che accetti). E' solo un'idea, ma perché non parlarne martedì?

Lorenzo
MiriamTurrini
Posts: 20
Joined: 04 Dec 2020 18:41
Country: ITALY
City: Roma
Organizations: Eumans, Radicali Italiani.

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by MiriamTurrini »

Io non vedo grande fraintendimento. Si sono sempre dati compiti, intercambiabili.
Allontanandoci dal procedurale , la questione è che appare in calce il numero del "coordinamento", con primo nome Vincenzo Campo, senza che appaia il nome dell attivista che ha attivato il contatto .Io ho fatto il 100%di ben due follow up clima comune senza firmarmi ma firmando a nome di Lorenzo, marco, virginia ,per rispetto del nostro metodo che prevedeva che il contatto fosse seguito da chi lo aveva attivato proprio per non farlo sentire un tuttofare, dargli un ritorno e farlo crescere . In certe fasi il contatto è sempre stato girato alla coordinatrice e coordinatori. Non è mai accaduto che un attivista terzo diventasse referente di tutti i contatti di tutti deviandoli al suo numero telefonico. Questo è ben diverso dal svolgere compiti. Va tutto bene, ma magari andava aggiunto il nome dell' attivista se si aggiunge il numero di un terzo attivista , altrimenti se ci sono contatti in atto con tutti quei sindaci, partendo la mail da un indirizzo ufficiale, si squalifica l attivista che sta proseguendo il contatto.
E Vincenzo continua a sottrarsi da questa discussione. Io mi prendo una pausa di una settimana, approfitto del fatto che Elisabetta si occuperà dei tavoli x il prossimo weekend . La stanchezza non aiuta e credo che sprecare una riunione a parlare di qualcosa di cui abbiamo già parlato la scorsa riunione ed è stato ignorato non sia fruttuoso.

Parlare in continuazione di queste cose distrae dagli obiettivi. Ne è stato parlato, è stato tutto ignorato, entrare in un loop di parlarne in continuazione demotiva e basta.
User avatar
Roberto Mancuso
Posts: 45
Joined: 02 Dec 2020 21:21
Country: ITALY
City: Cavallino (LE)
Organizations: EUMANS

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by Roberto Mancuso »

@Lorenzo Mineo le regole che esistono vanno INTANTO rispettate. La questione può essere risolta prevedendo (con un'interpretazione analogica del dispositivo), che sia il Presidente o la Coordinatrice ad assegnare l'incarico di ATTIVATORE su una determinata materia. Non deleghe in bianco quindi e nemmeno ruoli di coordinatore o di coordinamento, ma INCARICO DI ATTIVATORE (così ci distinguiamo anche nella terminologia), con paletti ben precisi rispetto alla comunicazione esterna e cioè: nessuno si deve firmare con proprio nome, cognome e contatti personali come "attivatore", ma al limite come TEAM EUMANS o a nome del Presidente o del Coordinatore se il documento è stato da loro supervisionato.

De jure condendo, invece, auspico la previsione statutaria di un Organo politico che coadiuvi il Presidente nello svolgimento del suo mandato (Direzione o Giunta nominata dallo stesso Presidente, sentito il Coordinatore); allo stesso modo ritengo oramai matura la situazione per prevedere non un Amministratore, ma una vera e propria carica politica di TESORIERE.

Trovo abbastanza insensata la tua proposta di un bingo in casa EUMANS:
Mi diverte anche la suggestione che l'incaricato in questione possa essere estratto a sorte tra gli iscritti, potendo, come si fa in questi casi, accettare o rifiutare l'incarico (in quest'ultimo caso, si sorteggia a qualcun'altro finchè non c'è qualcuno che accetti).
È sulla base delle competenze e della militanza che si assegnano ruoli, non certo per sorteggio.
Sempre andare contro vento, solo così è davvero possibile alzarsi in volo. (Jim Morrison) 8-)
MiriamTurrini
Posts: 20
Joined: 04 Dec 2020 18:41
Country: ITALY
City: Roma
Organizations: Eumans, Radicali Italiani.

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by MiriamTurrini »

Condivido tutte le proposte di @Roberto Mancuso . Per il sorteggio di una quota, sarebbe un' idea sfiziosa, ma non siamo abbastanza maturi per questo.aggiungo che la Giunta o direzione, nominata, debba poter essere aggiornata o cambiata da Presidente e Coordinatore a seconda delle iniziative in campo e dovrebbe , a mio parere mirare a essere composta da almeno 1 attivista per paese UE , proprio per essere in condizione di attivare iniziative in quei paesi.

Nel frattempo che si discute e lavora a ciò, la prima soluzione di Roberto , rispetto a come porci all esterno, mi sembra la più adeguata, oltre che corrispondente a patto di attivazione.

Inoltre i punti di riferimento territoriali hanno funzionato , non so perché all improvviso è saltato tutto . Sarebbe il caso di indicare di consultarli anche per la rete regionale oltre che x le attività sul campo (che comunque possono implicare una rete o appoggiarsi ad essa, quindi la rete è vitale anche per le attività sul campo) , ma solo perché hanno il quadro della situazione politica complessiva e magari hanno già iniziato con gli altri attivisti un lavoro in tal senso. Ciò è indispensabile soprattutto ora che siamo partiti per PoliticiPerCaso, che oltre ad essere fisicamente impegnativo avrà bisogno di contatti chiari e trasparenti con tutta la rete territorio per territorio.

Aggiungo che, nelle città in cui si va a elezioni, Roma, Milano, Torino , Napoli ecc, bisognerebbe fermarsi e riflettere un po' di più prima di far presenziare attivisti o attivatori a incontri di partito mirati ad espandere la loro rete pre elettorale. (Vedi incontro online di venerdì scorso con la corrente PD della Ascani, in cui il finto "coordinamento clima comune" non ha parlato dell' iniziativa se non in una brevissima frase su 10 minuti di intervento OMETTENDO che si tratta di un' iniziativa promossa da Eumans) . E poi clima comune penso possa considerarsi una iniziativa che ha completato il suo ciclo. ... anche per uscire in tempi brevi da questo pantano.
Da essa sono iniziate altre iniziative, ma collegate alla rete, non inserite in clima comune. A nessun titolo si può continuare a presenziare per quell' iniziativa per di più presentandosi come un coordinamento inesistente, a meno che Presidente , Coordinatrice e Coordinatore campagna non reputino necessario farlo .
Né è necessaria alcuna continuità nell' indicare chi si occupa dell aiuto per le iniziative connesse alla rete sindaci. Anzi. Meglio cambiare per risolvere questa situazione che si è creata in cui di fatto i contatti di tutti sono stati redirezionati al numero telefonico di Campo squalificando la relazione tra attivista e contatto. Bisogna porre rimedio subito perché non si consolidi . Anche perché la comunicazione è stata pessima in questo ultimo giro di follow up. Ormai è andata ma non peggioriamo i danni. Sbaglia qualcosa chi qualcosa fa. Si potrebbe aprire una call interna e magari fare si che questo sia il sistema trasparente di autocandidatura anche in futuro, fintanto che le funzioni del sito non sono entrate a sistema.

E di certo si dovrebbe andare con una proposta chiara , quando si è ospiti di partito, altrimenti è assolutamente inutile. . Ma sarebbe opportuno che a presenziare fosse persona scelta da Presidente o Coordinatore .
A Roma è un attimo a sputtanarsi durante la campagna elettorale e stiamo partendo con un progetto troppo importante che include una rete composta da diverse organizzazioni. Indispensabile mantenere una laicità che noi abbiamo nel DNA , ma che mi rendo conto sia difficile da acquisire in poco tempo.

Invito ancora @Vincenzo_CAMPO a partecipare a questa discussione, ad esercitare il suo diritto di replica e a fare proposte per lavorarci tutti insieme.
MiriamTurrini
Posts: 20
Joined: 04 Dec 2020 18:41
Country: ITALY
City: Roma
Organizations: Eumans, Radicali Italiani.

Re: Activation Agreement - V2 - Approved September 2020

Post by MiriamTurrini »

Aggiungo un' altra proposta di metodo. In generale , se si inizia dal partecipare ai tavoli in strada (laddove si può e a Roma si può) , si impara più velocemente e facilmente a lavorare in gruppo , a relazionarsi , a dibattere e a condividere. Si impara persino a rimanere nei tempi di intervento, poiché col passante devi essere breve , diretto e mandare un messaggio chiaro. Il nostro modo di parlare e di far politica , non si può negare, viene dalla strada. Dal dover essere comprensibili a tutti.
La scuola della strada rimane, a mio parere la migliore, anche nel correggere la rotta. Il tavolo va bene per tutti, non è indice di inadeguatezza. A Roma tra i tavolinari ci sono persone estremamente formate persino in relazioni internazionali.... Persone che potrebbero essere in ben altre posizioni. Ma credono al progetto e quindi fanno volentieri i tavolinari senza sentirsi svalutati.
Ecco la strada è anche indicatore di quanto credi al progetto e quanto sei disposto a dare anche senza riconoscimenti.
Non si può fare ovunque, ma a Roma la mobilitazione è continua.

Nel caso specifico la proposta che faccio anche a @Vincenzo_CAMPO direttamente è di ricominciare dalla strada, passaggio che hai saltato anche se , appena mi sei stato presentato come nuovo attivista , volevo che partissi proprio da lì e poi crescere pian piano .. e invece dopo il primo tavolo ti ho ritrovato coordinatore. È stato un errore. Dovevo insistere.

Proprio perché nella Mission non c è la formazione di una classe dirigenziale e perché " Gli obiettivi politici definiti nello Statuto sono raggiunti attraverso l'attivazione di strumenti di democrazia partecipativa, la disobbedienza civile e l'azione diretta basata su metodi non violenti" . Come da patto di attivazione.

Se lui accettasse mi impegnerei a seguirlo ed aiutarlo.

Saluti.