Create your profile and meet other EUMANS, take part in conversations, preparation of initiatives, and coordination of new actions. You can also discuss EUMANS Statute and have your say in the creation of the paneuropean Movement of popular initiative. If you register on EUMANS Agorà you can also receive all the updates about upcoming meetings, the calendar of initiatives, and other updates on our actions.

EUMANS is, EUMANS must be, EUMANS will be!

Launch new ideas, new topics for conversation, interesting news, and connect with other activists.
User avatar
Roberto Mancuso
Posts: 58
Joined: 02 Dec 2020 21:21
Country: ITALY
City: Cavallino (LE)
Organizations: Administrative Board of EUMANS
Associazione Luca Coscioni
Radicali Salento - DIritto e Libertà

EUMANS is, EUMANS must be, EUMANS will be!

Post by Roberto Mancuso »

Speech by Roberto Mancuso | EUMANS meeting 14/04/2022

At the beginning of my speech, I can only thank Marco Cappato and Virginia Fiume, our presidents, for choosing me among the members of the Administrative Board of EUMANS.

We have come a long way in these 3 years and, with the Warsaw Congress, we have undoubtedly grown, both from an organizational and a political point of view.

What might have seemed a velleity, a chimera, the establishment of a pan-European movement of popular initiative, is taking shape in a reality that is still in the pipeline, permanently and "methodologically" under construction, but which does not therefore navigate on sight: the roads that we have traced and traveled up to now, those that we are tracing and traveling and, certainly, those that we will trace and we will go in the right direction (at least for the famous millimeter to the day), because they are guided by a pragmatic, almost scientific method, which continuously feeds knowledge, discussion and political initiative.

Secondly, I want to congratulate and best wishes to the other members who have been chosen for the EUMANS Board: I am sure that we will all be able to give the right contribution to the pan-European political initiative and be of support to the political orientation activity set and carried out by our Presidents.

Having said all this, I want to direct my intervention towards what is closest to my heart: the freedom and liberation of the Ukrainian people from the aggressor Putin.

The hours we are living are dramatic and distressing; the response of the international community to the heinous war crimes committed by Russian troops in Ukraine seems feeble and almost powerless.

Economic sanctions and the dispatch of "light" weapons seem to me insufficient in relation to the extent of what is happening on Ukrainian soil. War crimes, violence against men, women and children tried and witnessed, are not FACTS for which a limited and partial reaction is sufficient.

Instead, a very strong response is necessary, in order not to fall back into the same mistakes that, in the twentieth century, with the Munich Conference of 1938, were made by Chamberlain and Daladier, who recognized the dignity of "political interlocutors" to Adolf Hitler and Benito Mussolini and that they reached an Agreement (or diktat or betrayal looking at it from the Czechoslovakian point of view), whereby sacrificing Czechoslovakia itself was worth a "peace" which was then hoped to be lasting. So evidently it was not. The credibility recognized to the dictators of the time was a huge mistake that laid the foundations for further expansionist aims.

Unfortunately, we tend not to know history or to forget it, but those who, TODAY, speak of peace, peace and peace or who even attribute the responsibility for the war we are experiencing a few hours from our home to the Americans or, better, to their "aims expansionists "and their" shady business ", are out of history and reality and are only capable of babbling against the United States of America and the West in general.

Although very worthily represented by Ursula von der Leyen, the response of the European Union manifests all the inadequacy and weakness of the Treaties that regulate it because every response, however high and noble, must pass through the caudine of national states and mechanisms. unanimistic and obsolete with respect to the twenty-first century we now live in.

Perhaps I express a point of view that to many may seem "dangerous" or "crazy", but which in my opinion is adequate in order not to remain under the yoke of Putinian nuclear blackmail: a military intervention by NATO is needed to put an end to the Russian invasion ! It is necessary NOW, now, immediately. The gravity of the war crimes and human rights violations committed in Ukraine is such that one cannot remain indifferent: if Putin allows himself to be conquered by Ukraine or some of its territories, Putin himself will soon want to expand his dictatorial rule beyond other borders; exactly as it was with the Sudetenland and Hitler.

We therefore do not need an international community that, washing its conscience with decisions like Chamberlain or Daladier, is afraid of the Russian nuclear weapon, that is Putin's BLACKMAIL, not the defense of human rights and fundamental freedoms.

Instead, it is very urgent to "get your hands dirty" in the ongoing war to reduce the expansionist aims of the Russian dictator. I am a nonviolent and I believe in nonviolence, so… I am not a pacifist.

At the same time, Ukraine’s entry into the European Union and also into NATO is fundamental for future peace, a true and lasting one.

Finally, for the future of the European Union itself, the only possible future, it is very urgent to put hand to the Treaties that found it to build, following the European federalist dream of Ventotene, the European political union, not just the economic and monetary one.

If political European Union has to be, must be the European Union of citizens, not governments. This is why the birth of the pan-European EUMANS Movement in Warsaw is a truly visionary and reforming choice for Europe. We must continue on this path, first of all by fighting for the timely entry of Ukraine into the Union, but at the same time working for an immediate reform of the Treaties that will finally be able to hand over to European citizens their sovereignty that supplants that sovereignty that is now only of Governments.

EUMANS is, EUMANS must be, EUMANS will be!

------------------------------------------------

Italian version:
Intervento di Roberto Mancuso

All'inizio del mio intervento non posso che ringraziare Marco Cappato e Virginia Fiume, i nostri presidenti, per avermi scelto tra i componenti dell'Administrative Board di EUMANS.

La strada percorsa in questi 3 anni è stata tanta e, con il Congresso di Varsavia, siamo indubbiamente cresciuti, sia dal punto di vista organizzativo, sia dal punto di vista politico.

Quella che poteva sembrare una velleità, una chimera, la costituzione di un Movimento paneuropeo di iniziativa popolare, si sta concretizzando in una realtà che è ancora in cantiere, permanentemente e "metodologicamente" in costruzione, ma che non per questo naviga a vista: le strade che abbiamo fino ad ora tracciato e percorso, quelle che stiamo tracciando e percorrendo e, sicuramente, quelle che tracceremo e percorreremo vanno nella direzione giusta (almeno per il famoso millimetro al
giorno), perché guidate da un metodo pragmatico, quasi scientifico, che continuamente alimenta la conoscenza, il confronto e l'iniziativa politica.

In secondo luogo, voglio fare i complimenti e gli auguri agli altri componenti che sono stati scelti per il Board di EUMANS: son sicuro che sapremo tutti dare il giusto apporto all’iniziativa politica paneuropea ed essere di supporto all’attività di indirizzo politico impostata e portata avanti dai nostri Presidenti.

Tutto ciò premesso, voglio indirizzare questo mio intervento verso ciò che mi sta più a cuore: la libertà e la liberazione del popolo ucraino dall’aggressore Putin.

Le ore che stiamo vivendo sono drammatiche e angoscianti; la risposta della comunità internazionale di fronte agli efferati crimini di guerra compiuti dalle truppe russe in Ucraina mi pare flebile e quasi impotente.

Le sanzioni economiche e l’invio di armi “leggere” mi paiono insufficienti rispetto alla portata di ciò che sta accadendo sul suolo ucraino. I crimini di guerra, le violenze su uomini, donne e bambini provati e testimoniati, non sono FATTI per i quali è sufficiente una reazione limitata e parziale.

E’ invece necessaria una risposta molto forte, per non ricadere negli stessi errori che, nel Novecento, con la Conferenza di Monaco del 1938, furono compiuti da Chamberlain e Daladier, che riconobbero la dignità di “interlocutori politici” ad Adolf Hitler e Benito Mussolini e che giunsero ad un Accordo (o diktat o tradimento guardandolo dal punto di vista cecoslovacco), per cui sacrificare la stessa Cecoslovacchia valeva bene una “pace” che allora fu sperata duratura. Così evidentemente non fu. La credibilità riconosciuta ai dittatori di allora fu un errore madornale che pose le basi per ulteriori mire espansionistiche.

Purtroppo la storia tendiamo a non conoscerla o a dimenticarla, ma coloro che , OGGI, parlano di pace, pace e pace o che addirittura attribuiscono la responsabilità della guerra che stiamo vivendo a poche ore da casa nostra agli americani o, meglio, alle loro “mire espansionistiche” e ai loro “loschi affari”, sono fuori dalla storia e dalla realtà e son capaci solo di blaterare contro gli Stati Uniti d’America e l’Occidente in generale.

Pur essendo molto degnamente rappresentata da Ursula von der Leyen, la risposta dell’Unione Europea manifesta tutta l’inadeguatezza e debolezza dei Trattati che la regolano perché ogni risposta, pure alta e nobile, deve passare per le forche caudine degli Stati nazionali e dei meccanismi unanimistici e obsoleti rispetto al ventunesimo secolo che, ora, viviamo.

Esprimo forse un punto di vista che a molti può sembrare “pericoloso” o “pazzesco”, ma che a mio avviso è adeguato per non restare sotto il giogo del ricatto nucleare putiniano: è necessario un intervento militare della NATO che ponga fine all’invasione russa! E’ necessario ORA, adesso, subito. La gravità dei crimini di guerra e delle violazioni dei diritti umani commessi in Ucraina è tale per cui non si può restare indifferenti: se a Putin si lascia conquistare l’Ucraina o alcuni suoi territori, presto lo stesso Putin vorrà allargare il suo dominio dittatoriale oltre altri confini; esattamente come fu con i Sudeti e Hitler.

Non ci serve perciò una comunità internazionale che, lavandosi la coscienza con decisioni alla Chamberlain o Daladier, abbia paura dell’arma nucleare russa, quello è il RICATTO di Putin, non la difesa dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

E’ invece urgentissimo “sporcarsi le mani” nella guerra in corso per ridimensionare le mire espansionistiche del dittatore russo. Sono un nonviolento e credo nella nonviolenza, non sono un pacifista.

Allo stesso tempo, per la futura pace, quella vera e duratura, è fondamentale l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea ed anche nella NATO.

Infine, per lo stesso futuro dell’Unione Europea, l’unico futuro possibile, è urgentissimo mettere mano ai Trattati che la fondano per costruire, seguendo il sogno federalista europeo di Ventotene, l’unione politica europea, non solo quella economica e monetaria.

Se Unione politica Europea ha da essere, deve essere Unione Europea dei cittadini, non dei Governi. Ecco perché la nascita a Varsavia del Movimento paneuropeo EUMANS è scelta veramente visionaria e riformatrice dell’Europa. Bisogna continuare su questa strada, in primo luogo lottando per la tempestiva entrata dell’Ucraina nell’Unione, ma nel contempo operando per una immediata riforma dei Trattati che sappia consegnare finalmente ai cittadini europei la loro sovranità che soppianti quella sovranità che ora è solo dei Governi.

EUMANS è, EUMANS deve essere, EUMANS sarà !
Sempre andare contro vento, solo così è davvero possibile alzarsi in volo. (Jim Morrison) 8-)
MiriamTurrini
Posts: 43
Joined: 04 Dec 2020 18:41
Country: ITALY
City: Roma
Organizations: Eumans, Radicali Italiani.

Re: EUMANS is, EUMANS must be, EUMANS will be!

Post by MiriamTurrini »

Meraviglioso intervento Robi. Concordo in toto.
Serve un intervento urgente. Anche, aggiungo, perché la pace non può significare non proteggere i civili. Non può significare divenire ricattabili per il timore del nucleare. Non può significare lasciare gli equilibri mondiali sostanzialmente come piacciono alla Russia.
Aggiungo una piccola postilla su come l Europa aggiunga violenza su violenza permettendo alla Polonia di impedire l aborto alle donne ucraine violentate dai russi. Spesso la mancanza di coraggio apre la porta alla violenza.